febrero 29, 2024

Potrebbe essere il momento di iniziare a prendere sul serio i Dallas Cowboys come contendenti al Super Bowl.

Perché non sono mai stati così belli nell’era di Dak Prescott, e il loro quarterback non ha mai giocato meglio.

Il colpo che ha trascinato i Cowboys per tutta questa stagione – la loro mancanza di una vittoria distintiva su un legittimo contendente – è stato messo a tacere in modo abbastanza convincente domenica sera. Dallas ha battuto i Philadelphia Eagles 33-13 in una partita di cui i Cowboys avevano il controllo fin dall’inizio.

Ciò significa che c’è un pareggio a tre squadre in cima alla NFC, con 49ers, Cowboys e Eagles tutti 10-3. San Francisco possiede il tie-break su entrambi grazie alle vittorie testa a testa in questa stagione, e il record di 4-1 nella divisione dei Cowboys dà loro un leggero vantaggio sugli Eagles, che sono 3-1 nell’NFC East. Ma con quattro partite da giocare, molte cose possono cambiare.

Dallas ha vinto 15 vittorie consecutive in casa e possiede un differenziale di 171 punti sugli avversari all’AT&T Stadium in questa stagione. Il motivo principale? Prescott. Domenica ha promosso la sua candidatura a MVP con una prestazione da 271 yard, due touchdown, senza scelte, e la difesa ha costretto Philly a tre palle perse, senza mai permettere a Jalen Hurts e all’attacco degli Eagles di sincronizzarsi.

Le ultime sette partite di Prescott: 22 touchdown e solo due intercettazioni. E un record di 6-1.

A Kansas City domenica scorsa, un rigore di Kadarius Toney – che si era messo in fuorigioco prima di uno scatto cruciale nel quarto quarto – è costato ai Chiefs la giocata dell’anno, permettendo ai Bills di scappare con una tanto necessaria vittoria per 20-17 che mantiene i playoff. vive le speranze. Patrick Mahomes era arrabbiato dopo la sconfitta, urlando e sbattendo il casco sulla linea laterale, per poi sfogarsi nella sua conferenza stampa post partita.

All’improvviso, improbabilmente, i campioni in carica del Super Bowl hanno perso tre su quattro, e Mahomes si trova di fronte alla probabile prospettiva di giocare la prima partita di playoff in trasferta della sua carriera a gennaio.

In un pomeriggio piovoso a Baltimora, Lamar Jackson ha entusiasmato il pubblico di casa con un touchdown di 13 giocate nel finale, poi Tylan Wallace – restituendo il primo punt della sua carriera nella stagione regolare – ha aggiunto il punto esclamativo ai tempi supplementari, riprendendo un Rams punt per un punteggio di 76 yard, walk-off.

Con la vittoria per 37-31, i Ravens sono la prima squadra dell’AFC a 10 vittorie, anche se i Dolphins (9-3) possono eguagliarli lunedì sera, quando ospiteranno i Titans. Con Kansas City e Jacksonville che hanno perso domenica, sembra che la testa di serie – e l’ambito addio al primo turno – arriverà a Baltimora o Miami.

A Cleveland, Joe Flacco ha dimostrato di essere qui per restare, almeno per il resto della stagione, portando i Browns a ribaltare i Jaguars.

A Los Angeles, la quarta sconfitta dei Chargers in cinque partite è stata ulteriormente smorzata dalla notizia che il quarterback della franchigia Justin Herbert si è fratturato l’indice destro. La sua stagione potrebbe essere finita; Le speranze di playoff dei Chargers lo sono già.

A Las Vegas, i Vikings riuscirono solo ad un misero canestro – e così fu Ancora abbastanza per battere i Raiders, che hanno perso la terza volta consecutiva. È stata la prima partita per 3-0 della NFL dal 2007.

A San Francisco, Brock Purdy e i 49ers ottennero la seconda serie di cinque vittorie consecutive della stagione, battendo i Seahawks per la seconda volta in tre settimane.

A Cincinnati, Jake Browning vinse la sua seconda partenza in sei giorni, portando i risorgenti Bengals a una vittoria di 20 punti sui Colts.

A New York, Zach Wilson si è scrollato di dosso una settimana tumultuosa e ha giocato la sua migliore partita della stagione sconfiggendo 30-6 i texani. La sconfitta ha spezzato la serie di tre sconfitte consecutive dei Jets, e per Houston la preoccupazione ricade sul quarterback esordiente CJ Stroud, che ha lasciato nel quarto quarto dopo aver sbattuto la testa contro il tappeto erboso ed è ora nel protocollo di commozione cerebrale.

Nel frattempo, motivo di preoccupazione a Detroit? I Lions non sembravano a posto da settimane e domenica a Chicago hanno subito la seconda sconfitta in tre partite, cadendo contro gli umili Bears 28-13. Sul 9-4, la squadra di Dan Campbell è ancora in vantaggio nella NFC North, ma i Lions non stanno giocando nulla che si avvicini al loro miglior calcio.

Ecco cosa è emerso dalla domenica della settimana 14 della NFL:

I cowboy hanno la loro vittoria caratteristica

Per Dallas, questo è stato qualcosa di più della semplice classifica.

In molti modi, i Cowboys avevano bisogno di una vittoria come questa, contro un legittimo contendente al Super Bowl, proprio il tipo di vittoria che è mancata nel loro curriculum altrimenti impressionante per tutta la stagione.

Sono stati sconfitti a San Francisco nella settimana 5, poi sono stati sconfitti a Filadelfia nella settimana 9. Nel mezzo, per la maggior parte: vittorie clamorose su squadre in difficoltà.

Picchiavano i pretendenti quanto volevano, spesso con margini sconcertanti, e il colpo sarebbe durato fino a quando non avessero fatto qualcosa al riguardo. Dallas non ha ottenuto una vittoria distintiva, non ancora almeno, che ti dicesse che i Cowboys erano pronti a fare qualcosa di diverso a gennaio – e fare una corsa ai playoff. Era dal 1996 che Dallas non avanzava all’NFC Championship Game.

La vittoria per 33-13 di domenica sera dimostra che una squadra ha fatto il passo giusto al momento giusto. Dallas ha vinto cinque vittorie consecutive e, insieme ai 49ers, è tra le squadre più equilibrate del calcio su entrambi i lati della palla.

Gli Eagles, nel frattempo, hanno perso due punti consecutivi per un totale di 43 punti dopo aver vinto nove dei primi 10. Il tentativo di Philly di guadagnare nuovamente la testa di serie – e il bye al primo turno – è diventato molto più difficile, e qualcosa nel modo in cui gli Eagles hanno giocato nelle ultime due settimane ti fa preoccupare per le loro possibilità post-stagionali. A questo punto, in questo momento non hanno lo slancio che avevano un anno fa. Il prossimo mese sarà dedicato a riscoprirlo.

La buona notizia per gli Eagles, però, è che il loro tratto finale sembra meno formidabile di quello che vedranno i Cowboys. Philly chiude per due volte con Seahawks, Cardinals e Giants. Dallas finirà con Bills, Dolphins, Lions e Commanders.

Toney costa ai Chiefs; Le speranze di playoff di Bills sono ancora vive

Mentre i Chiefs erano furiosi dopo la sconfitta – in particolare coach Andy Reid e Mahomes – perché gli arbitri non avevano avvertito Toney che era in fuorigioco prima dello snap più grande della partita, la chiamata era quella corretta. Ha cancellato un gioco selvaggio che ha visto Travis Kelce catturare un passaggio di 25 yard da Mahomes, poi lateralmente a Toney, che ha corso le ultime 24 yard per un touchdown che avrebbe portato i Chiefs in vantaggio 23-20 con 1:25 rimasto .

Non importa. Toney era in fuorigioco di almeno un metro. La bandiera è stata lanciata. Mahomes ha commesso tre incompletezze consecutive e i Bills hanno sigillato la vittoria per 20-17.

Le frustrazioni dei Chiefs sembrano ribollire, per il loro gioco incoerente degli ultimi tempi, oltre ad alcuni pessimi arbitraggi. Mahomes era fuori di sé a bordo campo alla fine della partita, sbattendo il casco e urlando agli arbitri. Poi si è sfogato in un modo che raramente fa nella sua conferenza stampa post partita.

«Un’altra partita di cui stiamo parlando gli arbitri», ha detto Mahomes. “Non è quello che vogliamo per la NFL. Non è quello che vogliamo per il calcio. Facciamo il gioco. Quindi qualunque cosa accada, accadrà.

«È un po’ imbarazzante per la National Football League che ciò accada», ha aggiunto Reid, che ha notato che gli arbitri di solito lo avvertono quando uno dei suoi ricevitori si è allineato in zona neutra.

Kansas City ora ha perso tre delle ultime quattro partite e ne ha perse due consecutive per la prima volta dall’inizio della stagione 2021. Con un punteggio di 8-4, i Chiefs sono solo una partita davanti ai crescenti Broncos, che hanno iniziato la stagione 1-5 ma da allora hanno vinto sei su sette.

Per i Bills, questa vittoria potrebbe aver salvato la stagione. Buffalo è ora 7-6 e si trova nel bel mezzo di un’affollata gara di wild card AFC.

«Ti copriamo le spalle!» hanno gridato i giocatori in uno spogliatoio vittorioso post partita all’allenatore Sean McDermott, un cenno a una settimana caotica a Buffalo che ha visto McDermott affrontare un rapporto sui commenti fatti in riferimento ai terroristi dell’11 settembre durante una riunione della squadra del 2019.

Nel complesso, sei squadre AFC sono 7-6 al momento: Pittsburgh, Indianapolis, Houston, Denver, Cincinnati e Buffalo.

Flacco dà nuova speranza ai Browns

Una cosa è tenere a galla una stagione con un quarterback di riserva.

È tutta un’altra cosa farlo quando sei sul tuo il quarto QB entro metà dicembre.

Diamo credito a Kevin Stefanski: è stata una stagione turbolenta a Cleveland – quattro quarterback hanno iniziato almeno due partite per i Browns – eppure la sua squadra è 8-5 e guida la corsa alle wild card dell’AFC.

Mentre DeMeco Ryans di Houston e Campbell di Detroit hanno raccolto molte considerazioni come Allenatore dell’anno – giustamente – Stefanski ha tranquillamente svolto un lavoro eccezionale a Cleveland, mantenendo i Browns competitivi nonostante il costante turnover nella posizione più critica del gioco.

È Flacco, 38 anni, ingaggiato appena tre settimane fa, a ravvivare le speranze della squadra a un mese dalla fine della stagione regolare. «So che posso ancora giocare», ha detto il mese scorso l’ex Raven, Bronco e Jet. Domenica lo ha dimostrato, lanciando per 311 yard e tre touchdown nella vittoria per 31-27 sui Jaguars, la sua seconda partenza da titolare per i Browns.

“Ti vengono in mente le parole su come ci si sente? Non farò un buon lavoro in questo», ha detto Flacco. “Ci sono così tante cose diverse che mi passano per la testa. È incredibile essere (ancora) là fuori… ricorderò queste cose per sempre”.

Dopo la partita, Stefanski ha annunciato che Flacco sarebbe stato il titolare della squadra per il resto del percorso. Da Deshaun Watson (fuori per un anno con una frattura alla spalla lanciata) a PJ Walker (che è stato poi rilasciato) a Dorian Thompson-Robinson (che rimane la riserva), i Browns continuano a trovare un modo, spesso vincendo quelli vicini. Finora sono 5-2 nelle partite a punteggio unico.

L’arrivo di Flacco, e la presenza consolidata dei veterani, sono stati un’aggiunta tanto necessaria per una squadra che già vanta una difesa d’élite. I Browns hanno ribaltato i Jaguars quattro volte nella vittoria di domenica e si sono classificati primi in yard concesse in questa stagione.

I Bucs saltano in vantaggio nell’NFC South

Per definizione, qualcuno deve vincere l’NFC South, indipendentemente dal fatto che quella squadra sia superiore a .500 o meno.

A quattro settimane dalla fine è una gara a tre squadre, e ciascuna ora è 6-7: Falcons, Saints e Bucs.

Uno di loro ospiterà una partita di playoff a gennaio.

Le speranze di Tampa Bay per il terzo titolo consecutivo nella division, gli ultimi due con Tom Brady come quarterback, hanno avuto un grande impulso domenica dopo che Baker Mayfield ha condotto un drive da 12 giocate e 70 yard alla fine del quarto per ottenere una vittoria per 29-25. i Falconi. Mayfield ha lanciato un tiro meraviglioso a 34 secondi dalla fine, quel tight end che Cade Otton ha tirato dentro per il punteggio vincente di 11 yard.

Tecnicamente, al momento, i Bucs sono i padroni del tie-break. Sono 3-1 nelle partite di division – come i Falcons – ma sono 4-2 contro avversari comuni, mentre Atlanta è 3-3 (le due squadre si sono divise gli scontri diretti in questa stagione). Nel frattempo, i Saints sono saliti al 2-2 nella division vincendo 28-6 sui Panthers Sunday, che hanno registrato il peggior 1-12 del campionato.

Giornata 0-3 per l’AFC Sud

È stata una domenica terribile per le squadre dell’AFC South: i Jaguars leader della divisione sono caduti a Cleveland con il quarterback Trevor Lawrence che si è infortunato alla caviglia, i Colts sono stati sconfitti a Cincinnati e i texani sono stati colpiti dai Jets.

Jacksonville rimane in vantaggio con un record di 8-5 con un record di 4-1 nella divisione. Sia Indianapolis che Houston sono ora 7-6, con i Colts che attualmente detengono il tie-break sui texani in virtù della loro vittoria testa a testa nella settimana 2. Si incontreranno di nuovo nella settimana 18 a Indianapolis.

Ma la preoccupazione principale per i texani in questo momento è lo stato di Stroud, che ha lasciato la sconfitta di domenica nel quarto quarto dopo che il suo casco ha sbattuto il tappeto erboso al MetLife Stadium a seguito di un colpo del guardalinee difensivo dei Jets Quinnen Williams. Stroud è attualmente in protocollo per commozione cerebrale; i texani saranno in Tennessee domenica.

VAI PIÙ PROFONDO

NFL Power Rankings Settimana 15: Caos nella AFC, più un focus fantasy per ogni squadra

(Foto in alto: Kevin Sabitus / Getty Images)


«The Football 100», la classifica definitiva dei 100 migliori giocatori di tutti i tempi della NFL, è ora in vendita. Ordinalo qui.